Menu
  • it
  • en
  • McAdams e De Maria

    L’ORT a Firenze il 15 marzo e poi in Toscana

    Il debutto della nuova produzione ORT porta sul palco del Verdi di Firenze, martedì 15 marzo, il direttore americano Ryan McAdams e il pianista Pietro De Maria. In programma musiche dell’americana Jessie Montgomery, Saint-Saëns e Mendelssohn. Repliche a Poggibonsi il 16, a Empoli il 18 e a Livorno il 19.

    Quaranta anni appena compiuti, una collezione di prestigiosi traguardi sia in Europa che in America, Ryan McAdams è uno dei direttori più versatili e interessanti della sua generazione. Particolarmente incline alla musica d’oggi, ha come incarico principale la guida del Crash Ensemble, il più importante gruppo musicale irlandese di musica contemporanea e ha diretto pagine di jazzisti come John Zorn e Wynton Marsalis, e di Jonny Greenwood dei Radiohead. Proprio sulla musica d’oggi, sostiene McAdams: “è un dovere morale trasmettere alla comunità un sapere legato al presente.” Così, dopo i concerti al New Music Dublin 2020 torna all’ORT dopo quattro anni, e si confronta in questa nuova produzione con il brano contemporaneo Strum della connazionale Jessie Montgomery.

    Lei, compositrice acclamata, violinista ed educatrice, premiata con il Leonard Bernstein Award, è nata e cresciuta nel Lower East Side di Manhattan negli anni ’80 in una famiglia di artisti (suo padre musicista, sua madre artista teatrale e narratrice), e vive fin da piccola il fermento musicale dell’epoca in un quartiere in cui gli artisti gravitavano nel focolaio della sperimentazione e dello sviluppo della comunità. Ciò si rispecchia nel suo modo di scrivere, che intreccia la musica classica con elementi di musica vernacolare, improvvisazione, poesia e coscienza sociale, rendendola un’acuta interprete del suono e dell’esperienza americana del XXI secolo. Le sue opere sono state descritte come “turbolenti, selvaggiamente colorate ed esplosive di vita” (The Washington Post). Ha ideato Strum nel 2006 per suonarlo lei stessa con i gruppi da camera di cui fa parte, uno dei quali gli Sphinx Virtuosi: originariamente composto per il Providence String Quartet, è concepito per la formazione di un quintetto di violoncelli. La Montgomery interviene sul brano più volte, prima con un arrangiamento nel 2008 per quartetto d’archi e poi nel 2012 con una versione per orchestra d’archi, che ascolteremo con l’ORT.

    A seguire, il virtuosismo di Pietro De Maria, pianista riconosciuto a livello internazionale per la sua tecnica preziosa, imparata nella scuola di Maria Tipo, e nominato artista in residence dell’ORT. E con l’ORT ci porta con il Concerto n.2 nelle sonorità di Camille Saint-Saëns, pianista enfant terrible al Conservatorio di Parigi, subito lanciato in una carriera concertistica che lo portò in tutto il mondo. Il suo catalogo come compositore abbraccia linguaggi diversi dal neo-barocco all’esotismo, ma la modernità del suo lavoro squisito viene qui esaltata dall’accostamento con il brano contemporaneo di apertura, perché, come dice lo stesso De Maria, anch’egli – come McAdams – promotore della musica del presente: “la musica del nostro tempo aiuta a sentire la modernità delle opere composte nei secoli precedenti”.

    In chiusura, il programma scivola così verso il Romanticismo con la ‘novità’ che fu di Mendelssohn nella sua Sinfonia Scozzese: raggiungere unitarietà, legando i quattro movimenti classici, imponendo al direttore, una volta alzata la bacchetta, di non abbassarla fino all’ultima nota. La sinfonia è un’evocazione in note di una terra che il compositore tedesco frequentò spesso e amò molto. Nella Scozia scorgeva la quintessenza del paesaggio romantico: il clima instabile, brumoso, le tempeste, il mare in burrasca, il fascino arcano delle voci delle cornamuse. La scintilla che fece nascere la partitura fu la visita compiuta nel 1829 alle rovine della cappella in cui era stata incoronata Maria Stuarda, la cui tragica vicenda biografica – rievocata al pubblico ottocentesco dal dramma di Schiller – aveva già acceso la fantasia di Mendelssohn.


    BIGLIETTI
    Intero € 17,00 – Ridotto € 15,00 (+ prevendita)
    in vendita alla Biglietteria del Teatro Verdi, nei punti vendita del circuito Box Office e online su teatroverdifirenze.it

    Biglietteria del Teatro Verdi
    via Ghibellina, 97 – Firenze
    orario da martedì a venerdì 10 – 13 e 15 – 19
    sabato 16 – 19
    tel. 055 212320
    teatro@orchestradellatoscana.it

    10 marzo 2022

    Fondazione Orchestra Regionale Toscana - Partita I.V.A. 01774620486 - Privacy Policy - Cookie Policy - Realizzazione sito WWS Snc