Menu
  • it
  • en
  • “Ogni attrazione è reciproca”



    Prendiamo in prestito questa famosa citazione da “Le affinità elettive” di Goethe per introdurvi al nuovo disco ORT e alla magica atmosfera creatasi durante la sua realizzazione. Abbiamo chiesto di parlarcene ad uno dei protagonisti, il clarinettista Nicolai Pfeffer.

    Che anno difficile abbiamo appena passato! È sorprendente pensare di essere riusciti a realizzare il nostro grande Progetto Mozart intitolato “Affinità elettive”, in un periodo così particolare. Al Teatro Verdi di Firenze, nell’estasi data dallo scenario degli Uffizi, del Duomo, di Piazza della Signoria e Ponte Vecchio abbiamo potuto registrare un CD con opere per clarinetto e orchestra di Wolfgang Amadeus Mozart insieme ai fantastici, attenti e dinamici musicisti dell’Orchestra della Toscana e Markus Stenz.

    Il concerto per clarinetto e orchestra K. 622 di Wolfgang Amadeus Mozart è stato uno dei primi brani di musica classica che ho ascoltato da bambino, per me fu un vero colpo di fulmine e da quel momento decisi subito che avrei voluto suonare il clarinetto. Tuttora penso che non ci sia un brano che mi commuova e influenzi di più. Nella maturità di questo concerto risiede la sua enorme intensità. Le opere più tarde di Mozart, come Die Zauberflöte e La Clemenza di Tito, risuonano nel concerto nella loro drammaticità e forza espressiva.

    L’utilizzo vocale del clarinetto nel K. 622 ha qualcosa di magico, le sue lunghissime frasi e le linee melodiche sono sostenute da un’orchestrazione trasparente. Dal punto di vista tecnico e dell’emissione sonora, il concerto è particolarmente difficile, ma la sua nobile bellezza e ricchezza interiore ricambiano generosamente noi clarinettisti nell’esecuzione. Il titolo del disco, “Affinità elettive”, gioca un po’ sul romanzo di Goethe dallo stesso titolo e può essere facilmente proiettato sul mio stesso amore per i luoghi anelanti dell’Italia con le sue molteplici amicizie ispiratrici e meravigliose.

    Oltre al famoso Concerto per clarinetto K. 622, abbiamo registrato la giovanile Sinfonia in la maggiore (No. 29), un arrangiamento dell’aria da concerto “Sperai vicino il lido” e un arrangiamento che ho fatto del Rondo K. 373. Sono entusiasta della collaborazione professionale con l’orchestra e felicissimo che il CD sarà presto disponibile nei negozi – è già disponibile su tutte le piattaforme digitali. I ringraziamenti miei e dell’editore Novantiqua vanno alla co-produttrice Lucia Quadrini per aver reso possibile questa registrazione. 

    Fondazione Orchestra Regionale Toscana - Partita I.V.A. 01774620486 - Privacy Policy - Cookie Policy - Realizzazione sito WWS Snc