Menu
  • it
  • en
  • Bach

    Bach in Jazz



    Un’esplosione di ritmo e ironia a Rapolano Terme per l’ennesima replica di “Jazz Sebastian B(ach)rass”, il fortunato spettacolo del nostro gruppo di Ottoni e Percussioni dedicato a uno dei più grandi geni nella storia della musica.

    Immaginate un concerto dove la musica classica incontra il jazz, il tutto condito da una spolverata di ironia e divertimento. Oppure di ascoltare le note immortali di Bach riarrangiate in stile swing, con trombe, trombone, corni e batteria che danno vita a un sound nuovo e coinvolgente. Immaginate di sorridere e di lasciarvi trasportare dalla musica e dalle parole di un’attrice brillante.

    Tutto questo è “Jazz Sebastian B(ach)rass”, lo spettacolo che porteremo in scena al Teatro del Popolo di Rapolano Terme il prossimo 16 marzo. Un evento imperdibile per gli amanti della musica, del jazz e del divertimento.

    Molti jazzisti si sono confrontati con la musica di Bach: dal Modern Jazz Quartet a Bud Powell, da Dave Brubeck a Bill Evans. Per chi suona jazz il rapporto con Bach sembra essere privilegiato, più di quello con altri compositori classici.

    Protagonista della serata sarà il nostro gruppo denominato “Gli Ottoni e Percussioni dell’ORT” che darà vita a un’interpretazione originale e coinvolgente delle musiche di Bach. In questa occasione (l’organico non è fisso e varia) il gruppo oltre a me è composto da Stefano Benedetti e Luca Betti alla tromba, Andrea Albori e Andrea Mancini al corno, Andrea Falsini al trombone, Riccardo Tarlini alla tuba e Simone Bruschi alla batteria e percussioni.

    Una menzione particolare per l’ottimo lavoro di Demetrio Bonvecchio che ha realizzato gli arrangiamenti. Ad accompagnare le note, la voce recitante di Isabella Brogi, che con ironia e leggerezza racconterà aneddoti e curiosità sulla vita del compositore tedesco.
    I test sono ispirati dal libro “L’ultima fuga di Bach” di Chiara Carminati, attiva nel campo della letteratura per ragazzi come prolifica autrice (quasi un centinaio i titoli pubblicati) insignita, tra l’altro, del Premio Andersen (miglior scrittore nel 2012, premio della giuria nel 2015), del Premio Strega ragazzi nel 2016, e del Premio Letterario Camaiore nel 2018. 

    Beethoven ha detto che Johann Sebastian non avrebbe dovuto chiamarsi Bach (che il tedesco significa “ruscello”), ma Oceano. Forse anche perché la forza di quello che ha composto è trascinante, abissale e insondabile proprio come un oceano.

    Rapolano

    Lo spettacolo è ormai collaudato; dopo aver debuttato nel dicembre del 2022 abbiamo infatti realizzato finora già 15 repliche.

    Motivo di interesse supplementare questa volta è dato dalla località dove si svolgerà lo spettacolo ovvero Rapolano Terme, borgo medievale situato in Val d’Orcia. È una destinazione ideale per gli amanti della cultura e del benessere. Le sue terme millenarie, le sue suggestive vie e la sua atmosfera rilassata offrono un’esperienza unica ai visitatori. Anche il luogo è suggestivo perché il Teatro del Popolo è un gioiello architettonico situato nel cuore del borgo. Costruito nel 1890 in stile eclettico, presenta una facciata in travertino e un interno a ferro di cavallo con due ordini di palchi e un loggione. Il teatro ha ospitato nel corso degli anni compagnie di prosa e di operetta, concerti e spettacoli di danza. Un luogo di cultura e di incontro per la comunità della Val d’Orcia e per i visitatori.

    Teatro Del Popolo
    Il Teatro del Popolo di Rapolano

    “Jazz Sebastian B(ach)rass” è un’occasione importante per vivere un’esperienza musicale davvero speciale. Un viaggio imperdibile tra le note di Bach, in una veste nuova e originale, che vi sorprenderà e vi emozionerà. Vi aspettiamo.


    Se vuoi approfondire il rapporto tra musica jazz e Bach leggi questo articolo.
    Maggiori informazioni sullo spettacolo di Rapolano le trovi qui.

    Fondazione Orchestra Regionale Toscana - Partita I.V.A. 01774620486 Privacy Policy | Cookie Policy Realizzazione sito WWS Snc